Onore ai Nostri Martiri ed EROI di Montefalcione @ Regno delle Due Sicilie, Naples [dal 6 su 10 agosto]

Onore ai Nostri Martiri ed EROI di Montefalcione


54
6 - 10
agosto
01:00 - 23:00

 Pagina di evento
Regno delle Due Sicilie
Largo di Palazzo 1, 80100 Napoli
REGNO delle DUE SICILIE

STRAGE di MONTEFALCIONE
6 -10 Agosto 1861

Tra il 6 e il 10 luglio 1861 un paese in provincia di Avellino, Montefalcione, ed altri paesi limitrofi furono teatro di una sollevazione popolare Legittimista filo Borbonica.

Una delle tantissime che si verificarono nei territori dell’ormai ex Regno delle Due Sicilie, perpetrate allo scopo di riconsegnare il Trono di Napoli al suo legittimo Sovrano, Re Francesco II di Borbone.

Tale insurrezione culminò in un bagno di sangue del quale si resero protagonisti l'esercito Italiano e la legione ungherese, che assassinarono brutalmente dalle 97 alle 150 persone.

All’origine della strage ci fu l’insurrezione di Montemiletto.

Nel settembre del 1860 anche a Montemiletto giunse l’azione dei liberali che nel nome del mercenario ladro dei due mondi, occuparono la cittadina e rovesciarono le istituzioni Borboniche con la violenza.
A tale abuso la popolazione del posto rispose con risolutezza. Si ebbe la sollevazione di tutto il paese guidata da Matteo Lanzilli e Carmine Ardolino. Un manipolo di contadini entrò nel palazzo di giuseppe fierimonte, leader dei liberali e capitano della locale guardia nazionale, uccidendo il fierimonte stesso ed altri 23 liberali (i TRADITORI si mascheravano dietro l'etichetta di «liberali»).

Il giorno successivo esportarono la loro rivolta anche presso i paesi limitrofi al grido di ”viva Francesco II”....seminando il panico nelle truppe piemontesi sempre più consapevoli di non aver conquistato proprio nulla.

La mattina del 7 settembre però i mercenari in camicia rossa, entrarono nel paese e non solo arrestarono i rivoltosi, ma si vendicarono sulla popolazione inerme che aveva osato ribellarsi.

Lo stesso giorno il mercenario in camicia rossa finanziato dalla massoneria inglese, faceva il suo ingresso a Napoli con i criminali aena scarcerati dal carcere di Poggioreale a inscenare canti e balli a festa (chi si ribellava conobbe per la prima volta i metodi brutali ormai noti, della criminalità «organuzzata»).

A causa di quella rivolta furono incriminati quasi 500 persone. In moltissimi vennero arrestati e fatti giustiziare.

Malgrado la grave battuta d’arresto i rivoltosi non si lasciarono intimidire. Non solo crebbe la loro consapevolezza come legittimisti ma migliorò anche la loro organizzazione strategico-militare grazie anche alla presenza, tra le loro fila, di ex soldati del Real Esercito di Sua Maestà Duosiciliana.

Le figure guida della resistenza divennero

Basilio Pagliuca e
Gaetano Maria Baldassarre, già attivo nella prima rivolta del settembre 1860.

Il Baldassarre fu l’anima della rivolta, teneva le riunioni organizzative, incoraggiava i legittimisti e diffondeva idee insurrezionali facendo circolare manifesti ostili ai mercenarii in camicia rossa ed al governo sabaudo.

Già nei primi giorni del gennaio 1861 il governatore di Avellino, Nicola De Luca, venne avvisato della rivolta imminente. Poco dopo a Montefalcione venne issato il vessillo Borbonico. La mattina del 6 luglio il sindaco della cittadina, intimidito dai rivoltosi, acconsentì alla distruzione delle insegne sabaude, al loro posto tornò a sventolare la bandiera del Regno delle Due Sicilie.

Il governo savoiardo venne dichiarato decaduto a favore di quello Borbonico.

Dopo questo evento la reazione piemontese non tardò.

In un primo momento venne tentato l’assalto a Montefalcione da un manipolo di uomini che però fu costretto a ritirarsi. Sull’onda di questo successo anche altri comuni adiacenti insorsero e distrussero gli emblemi sabaudi.

Fu il De Luca a tentare la riconquista di Montefalcione con una schiera di uomini che fece irruzione nel paese che però respinse l’iniziativa, costringendo i filosabaudi all’assedio in un monastero. Gli insorti li misero in ginocchio, la vittoria avrebbe aperto loro le porte di Avellino, ma proprio quando stavano per capitolare, la mattina del 9 luglio, giunsero in soccorso dei traditori (sui libri si legge «liberali») tre battaglioni della legione ungherese dell esercito italiano. Dopo alcune ore di resistenza gli insorti sciolsero l’assedio e si diedero alla fuga.

Venne dato avvio ad una terribile rappresaglia con fucilazioni indiscriminate che si protrassero fino a notte fonda. Chi riuscì a fuggire venne inseguito e fu vittima di un’azione di rastrellamento che durò fino al 14 luglio. Dopo la carneficina il tricolore italiano venne issato sul campanile della chiesa di Montefalcione dove fino a poco tempo primo sventolava il vessillo Duosiciliano. Lo stendardo Borbonico venne nuovamente ammainato ma questa volta in maniera definitiva.

Alle Nostre vittime innocenti ed ai Nostri EROI vogliamo inchinarci Onorandone la memoria del loro sacrificio con la Nostra preghiera affinché

Iddio li abbia in Gloria

____
Nel documento fotografico:

fucilazione di Petruziello
per mano dei bersaglieri al comando della legione ungherese
Discussione
image
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Effettua una veloce registrazione o autorizzazione.

Eventi prossimi @ Regno delle Due Sicilie:

1 Novembre - Festa di TUTTI i Santi
Regno delle Due Sicilie
2 Novembre - Silenzio e preghiera per i defunti
Regno delle Due Sicilie
Stupor Mundi o Puer Apuliae , Federico II di svevia
Regno delle Due Sicilie
Santo Natale 2017
Regno delle Due Sicilie
Angelina Romano di anni 9 : Fucilata con accusa di brigantaggio
Regno delle Due Sicilie
Issate la Bandiera
Regno delle Due Sicilie
I Tesori del MUSEO Archeologico di Napoli andranno a Comacchio ?
Regno delle Due Sicilie
Onore ai Nostri Martiri di Ruvo del Monte
Regno delle Due Sicilie
FOTOGRAFIAMO il REGNO delle DUE SICILIE
Regno delle Due Sicilie
21 Dicembre Compleanno di Napoli, 2488 anni
Regno delle Due Sicilie

Eventi più atteso in Napoli :

Palazzo Donn'anna evento straordinario
Largo Donn'Anna Via Posillipo
Aperitour al Centro Storico!
Napoli - Centro Storico
Sagra della castagna MONTELLA
I Viaggi in bus da Napoli
Da Basquiat a Warhol: in mostra “Le mille luci di New York”
Gallerie D'italia - Palazzo Zevallo Stigliano
Dracula e altri demoni di Napoli + ragù - Tour esoterico
Piazza Santa Maria la Nova, 80134 Napoli NA, Italia
Ellen Allien & Monika Kruse at Club Partenopeo
Club Partenopeo
Concerto al buio di piano e violino
Galleria Borbonica
Halloween napoletano tra Dracula, diavoli e fantasmi con aperitivo!
Chiesa di Santa Maria la Nova
Fabri Fibra live "Fenomeno tour" Napoli
Teatro Palapartenope
Gli eventi più popolare nel tuo newsfeed!